Agosto per molti è il mese della pausa estiva. Fatto il pieno di caldo, 1 o 2 settimane di relax sono quasi necessarie al nostro cervello per non andare in cortocircuito… Dopo il ferragosto però molti rientrano dalle vacanze e ritornano, più o meno riposati, a lavorare o a studiare. Ricominciare però non è mai semplice e passare dai ritmi rilassati ai ritmi frenetici del lavoro/studio può essere un vero e proprio shock!

Per affrontare al meglio il momento del rientro, ecco 5 brevi ma interessanti consigli pescati in vari articoli in rete:
1. PULIRE LA SCRIVANIA PRIMA DI PARTIRE
Cosa c’è di peggio di tornare al lavoro e trovare la scrivania piena di fogli, di post-it scaduti e di bicchieri vuoti con tracce di caffè risalenti a qualche settimana prima? Prima di andare in vacanza sarebbe saggio dare un pulita alla propria scrivania, così da non trovarla in uno stato pietoso al rientro. Ordinare gli spazi, gli appunti, ecc., permette anche di non dimenticare le urgenze e di partire per le vacanze con l’animo sereno.
2. FISSARE LE PRIORITÀ  E CONCENTRARSI SU UN’ATTIVITÀ  ALLA VOLTA
Per molti il rientro dalle vacanze è traumatico per la quantità di lavoro accumulato durante l’assenza: mille email da leggere, clienti da richiamare e contattare, riunioni da fissare, decisioni da prendere. E’ quindi un indispensabile non farsi prendere dall’ansia e fissare una scaletta di priorità. Faremo tutto quello che deve essere fatto ma non subito e non tutto in una volta.
3. CAMBIARE LA ROUTINE
Una delle cose che più spaventa al ritorno dalle vacanze è il pensiero di dover rientrare nella solita routine. Piccoli cambiamenti, come ad esempio fare una strada diversa per andare al lavoro o aggiungere qualcosa di nuovo all’arredamento del proprio ufficio, possono allora aiutare.
4. RESTARE IN CONTATTO CON LE NUOVE CONOSCENZE
Quando si conosce qualcuno in vacanza o si ritrovano amici che non si vedevano da molto tempo, la tipica frase al momento dei saluti è: “Restiamo in contatto”. Bene, il consiglio è di farlo sul serio: rimanere in contatto con le persone con le quali si sono passati bei momenti può alleggerirci il ritorno e farci spuntare un sorriso anche durante il primo giorno di lavoro.
5. ARRENDERSI ALL’IDEA DI ESSERE TORNATI E TENTARE DI DIVERTIRSI
Inutile illudersi che non sarà così: le vacanze finiscono e si torna al lavoro. Se la realtà è questa, allora tanto vale accettarla. Steve Errey di “The Muse” spiega: “Agitare le tua ali in una gabbia immaginaria non è salutare. L’unica gabbia che hai è quella della tua mente e resistere, combattere contro il luogo in cui ti trovi ti fa solo sentire peggio. È solo accettando ciò che ti circonda che puoi trarne beneficio. Quindi quando ti scopri a combattere contro il lavoro, contro quella scomoda riunione, prendi la saggia decisione di ributtarti nel gioco” e cerca di divertirti. La sensazione è che il divertimento se ne sia andato insieme alle tue vacanze. Invece non è così. Cerca di ritrovare il lato positivo del tuo lavoro: ridi con i colleghi, lanciati in nuovi progetti, organizza una gita per il prossimo weekend. Non è poi così male, no?
E se ci prende un attacco di nostalgia, possiamo tentare di risollevarci il morale mangiando una buona fetta di torta e bevendoci un buon caffè, come consiglia l’agente speciale Dale Cooper in Twin Peaks.
Buon rientro e lavoro a tutti!